Lug 4

Lettere dall’Agenzia Entrate Riscossione in risposta alle domande di rottamazione

Lettere dall’Agenzia Entrate Riscossione in risposta alle domande di rottamazione:
facciamo chiarezza sulle sigle AT, AP, AD, AX e RI.

Di recente, l’Agenzia Entrate Riscossione ha inviato delle lettere ai contribuenti in risposta alle domande di rottamazione.

La fine dello scorso Aprile c’è stato il termine ultimo per consentire ai contribuenti di depositare la richiesta di rottamazione o di saldo e stralcio.

Successivamente, l’Ag. Riscossione si è occupata di vagliare tutte le richieste e di rispondere ai contribuenti in merito all’eventuale accoglimento o rigetto delle stesse.

Nella maggioranza dei casi, i contribuenti che avevano presentato richiesta di rottamazione hanno ricevuto, entro lo scorso 30 giugno, una raccomandata dall’ente riscossore con una risposta dal contenuto variabile.

Più precisamente, le raccomandate dell’Agenzia Riscossione contenevano cinque ipotesi diverse di risposta: AT, AP, AX e RI.

Cosa significano?

AT, vale a dire accoglimento totale della richiesta di rottamazione, con relativo piano di pagamento del debito rottamato;

AP, cioè accoglimento parziale, con relativa indicazione sia dei debiti rottamabili che di quelli non definibili in via agevolata;

AD, codice che si riferisce alle ipotesi in cui l’istanza rinvia a debiti rottamabili per l’intero, per cui nessun importo risulta successivamente dovuto dal contribuente;

AX, quando alcuni debiti sono integralmente rottamabili (come per l’ipotesi AD) ed altri sono invece definibili soltanto in parte, con il relativo piano di pagamento della parte residua da versare;

RI, rigetto della richiesta di rottamazione.

 

Ricordiamo che lo scorso 27 Giugno è stato convertito in legge il Decreto Crescita, con conseguente riapertura dei termini (sino alla fine del mese di Luglio), delle domande di rottamazione e saldo e stralcio.